Terapia elastocompressiva

L’introduzione delle calze elastiche graduate è stato il trattamento che ha determinato il più importante impatto sulla stasi venosa, divenendo la terapia conservativa “gold standard”. Le calze elastiche esercitano una contropressione esterna che favorisce un migliore ritorno venoso verso il cuore risolvendo così la stasi; esse hanno una molteplice azione sul sistema venoso superficiale e profondo, sul volume ematico, sui tessuti, sul compartimento microvasculotissutale e su eventuali trombi endoluminali.

La compressione viene misurata in mmHg (millimetri di mercurio), e le calze vengono distinte in quattro classi: le più utilizzate sono la classe 1^ (preventiva) e la classe 2^ (terapeutica). I “denari” indicano solo quanto è fitta la trama, non quanta pressione esercita. La terapia compressiva è tipicamente usata per alleviare temporaneamente i sintomi associati con le vene varicose e non è una soluzione a lungo termine al problema di fondo.

Chiudi il menu